News

Giornata dell'ammalato

giornata-ammalato 

 

Programma

 

Chi desidera ricevere il Sacramento dell’UNZIONE degli INFERMI o perché AMMALATO o ANZIANO deve fare
richiesta entro Venerdì 26 maggio
presso la Segreteria della Parrocchia che consegnerà un apposito tagliando da presentare al momento di ricevere il Sacramento.

  

Per chi è pensato il Sacramento dell’Unzione degli infermi?

Ogni credente che si trovi in situazione critica di salute sia per malattia, come per l’avanzata età può ricevere questo Sacramento anche più volte nel corso della vita in specie se si è sottoposti ad operazioni delicate. Scrive S. Giacomo nella sua Lettera: “Chi è malato chiami presso di sé i presbiteri della Chiesa ed essi preghino su di lui, ungendolo con olio nel nome del Signore” (5,15).

Come viene amministrata l’Unzione degli infermi?

Il rito nella sua essenza consiste nell’unzione della fronte e dei palmi delle mani accompagnata da una apposita preghiera di guarigione. L’olio profumato utilizzato per questo Sacramento è stato consacrato dall’Arcivescovo nel Duomo il Giovedì Santo mattina e poi distribuito in tutte le Parrocchie della Diocesi.  L’estrema unzione è sempre lo stesso Sacramento, ma amministrato in pericolo di morte.

Come agisce l’Unzione degli infermi?

Questo Sacramento dona consolazione, pace e forza e unisce profondamente a Cristo il malato nella sua precaria situazione e sofferenza: il Signore ha infatti provato le nostre sofferenze.  In alcuni casi l’Unzione dei malati opera anche guarigioni fisiche.